Intervista a mister Alfredo Paradisi al termine di Ars et Labor – Sporting Apricena

 

ParadisiSta crescendo lo spirito di gruppo”

Un buon Grottaglie nonostante il campo al limite della praticabilità

Oggi non solo il campo ma tutti gli eventi atmosferici hanno reso la partita “impraticabile”. Ci sono stati momenti in cui dalla panchina non si riusciva a vedere il pallone, immaginate i ragazzi in campo.

La nostra superiorità, netta almeno sulla carta poiché loro si sono presentati con parecchi giovani, è venuta meno per via delle condizioni del terreno di gioco.

Mi ha fatto piacere vedere gente come Napolitano e Lotito lottare su un terreno e con queste condizioni che non sono ideali per loro, perchè vuol dire che lo spirito di gruppo che stiamo cercando di creare sta dando i suoi frutti.”

Vittoria importante che tira fuori il Grottaglie dalla zona play out della classifica

Usciamo dalla zona calda e questo mi fa piacere.

E’ la mia prima vittoria, dopo due pareggi ed una sconfitta, un ruolino di marcia non esaltante ma neanche deficitario se pensiamo che su quattro partite ne abbiamo persa solo una contro la capolista.

Quando sono arrivato eravamo in zona play out, oggi ne siamo fuori ma il cammino è ancora lunghissimo.

Anche oggi avevamo importanti defezioni ma ciò nonostante siamo fuori dalla zona calda e per questo va fatto un plauso ai ragazzi.

Oggi è rientrato Pisano dall’inizio e Lecce che è subentrato a partita in corso ma ripeto, al di là di tutto elogio lo spirito di gruppo perchè su questi campi non è calcio.

Mi è piaciuta l’applicazione ed è stato importante far gol subito, così come ci eravamo prefissati, altrimenti anche oggi sarebbe stata dura.”

Cosa ti aspetti dal mercato

E’ palese che anche oggi, dopo aver avuto una predominanza territoriale enorme e dopo essere arrivati sotto porta una quindicina di volte, abbiamo realizzato solo tre reti, di cui una in pieno recupero, mantenendo a lungo in bilico la partita.

Sottolineo ancora una volta la buona prestazione della coppia centrale formata da Turco e De Giorgi, nata con il mio arrivo, per cui, con la difesa sistemata, dobbiamo fare qualcosa davanti ed alzare il livello qualitativo e l’età degli under. Noi infatti abbiamo in rosa solo un 2000 e tutti 2001 e 2002, a questa età uno o due anni fanno la differenza.

L’arrivo di un paio di under di qualità sarebbe inoltre auspicabile anche per far rifiatare quelli che giocano sempre come ad esempio D’Ambrosio.

La chicca comunque sarebbe l’arrivo di qualcuno che elevi il tasso tecnico del centrocampo, ma sottolineo che questa non è una necessità, bisogna piuttosto cercare un attaccante.”

La partita di Spinazzola come crocevia della stagione

E’ una partita importante ed abbiamo già preso in parte informazioni sugli avversari anche se oggi purtroppo un nostro osservatore non ha potuto assistere a Castellaneta – Spinazzola rinviata per maltempo.

Lo Spinazzola ha due modi diversi di giocare a seconda che giochi in casa o in trasferta.

In casa giocano su un sintetico molto piccolo, quasi un campo a dieci, e quindi dovremmo modificare anche il nostro modo di giocare.

Prima dello Spinazzola però abbiamo giovedì la Coppa Italia a Sava.

Spero che la stanchezza di oggi non vada ad incidere sulla partita di Sava e poi su quella di Spinazzola, fortunatamente oggi hanno rifiatato gli squalificati Morelli e Margarito.

Ritengo che in questo campionato, tolte le prime tre, noi possiamo giocarcela con tutti per cui anche a Spinazzola proveremo a dire la nostra ma affinchè questa squadra si esprima al massimo contro tutti gli avversari, c’e’ bisogno di unione di intenti tra società, squadra e pubblico.

Raggiungeremo l’obiettivo che ci siamo prefissati e con qualche puntello potremmo anche divertirci.

Oggi non siamo ancora bellissimi ma indubbiamente, essendo una squadra leggera, ci stanno penalizzando i terreni pesanti.

Facciamo un passo alla volta, giovedì andiamo a Sava e vediamo cosa succede.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *